domenica 11 novembre 2007

RINO GAETANO
eroe a tempo perso

[di Edoardo Rosso]




Un cantautore unico nel suo genere. Testi crudi, puri, taglienti. Visceralmente poetici.
Rino Gaetano è spietato con la classe politica corrotta e ladra. E’ irriverente nei confronti dei potenti in genere (dagli Agnelli a Costanzo). Gli sta a cuore la causa civile: gli sfruttati, i mal pagati, i frustrati, i derisi, i declassati, i sottomessi, i derubati. Testi impegnati e musiche per lo più allegre, lievi, giocose.
Rino inizia a scrivere “sul mondo e sulle sue brutture” nel 1973 - debutto discografico con il 45 giri “I love you Marianna”.
Rino è bravo con le parole. Le addomestica, ci gioca, le stravolge, le combina, le shakera.
Scrive e scriverà perché non ha “incontrato mai / veri mattatori e veri ombrellai / ma gente capace di chiederti solo come stai”.
Ma Rino non è solo l’impavido menestrello che deride il re nudo, è anche capace di una sensibilità poetica lontana dal luogo comune e libera da fronzoli manieristici.
“Ad esempio a me piace la strada / col verde bruciato magari sul tardi, macchie più scure, senza rugiada / coi fichi d’india e le spine dei cardi” per non citare la celeberrima “...fiorivi, sfiorivano le viole...”.




So bene che non devo venire io - nato a metà degli anni Ottanta - a raccontarvi cosa è stato e cosa continua ad essere Rino Gaetano.
E già saprete che domenica 11 (stasera) e lunedì 12, nella prima serata di rai uno, andrà in onda la fiction che ricostruisce la vita del cantautore di Crotone. Molti sapranno anche delle polemiche che l’accompagnano (la sorella di Rino dice: “Non lo rappresenta”). Tra voi, infine, c’è senza dubbio qualcuno che conosce o condivide le teorie del complotto secondo le quali l’incidente in cui è rimasto ucciso il 2 giugno 1981 fu architettato per far sparire un personaggio che iniziava a diventare scomodo...
Ecco perché mi fermo qui, suggerendo questo video (memorabile) in cui Rino canta “Nuntereggae più” in faccia a Maurizio Costanzo e Susanna Agnelli, entrambi citati nella canzone.
Un video che, forse, racconta Rino Gaetano meglio di qualsiasi fiction.

1 commento:

luca ha detto...

ah! ma tu sei rimasto ai blog old generation... dovresti passare al più presto a myspace o facebook...